Rispetto del futuro: questa è la chiave di volta
del nostro utilizzo consapevole del legno.

Una filiera che nasce nel bosco, nella cura delle nostre foreste e dalla volontà di rispettare al massimo il Creato. Verso la metà di ottobre, quando le foreste si screziano di colori caldi e rassicuranti, inizia la ricerca delle essenze che si useranno negli anni a venire.

In questo periodo, quando la natura si addormenta, comincia la ricerca e raccolta degli alberi “giusti”.

Pochi sanno che, ad un certo punto della vita, l’albero comincia a morire dall’interno.

In quel momento della maturazione, quando la pianta ha più di trent’anni ed il bosco è alla sua terza
“pulizia”, si raccoglie il legno in fase dormiente: viene cioè tagliato quando la fase vegetativa è minima.

 

 

Raccogliere la pianta mentre dorme è un’ottima base per la corretta essicazione del legno.

In questa fase ci rechiamo personalmente a visionare le piante ancora nel bosco, appena tagliate.
Con questo accorgimento siamo sicuri che il boscaiolo abbia gestito al meglio il taglio, nel rispetto dei
cicli futuri di raccolta.

Ci assicuriamo che vengano tagliate solamente le piante mature, nel massimo rispetto del futuro.

 

 

Il passaggio successivo è l’esbosco.

Per minimizzare gli spostamenti su gomma, i tronchi vengono trasportati direttamente dal bosco alla
segheria che, sotto la nostra supervisione, ridurrà il tronco in tavole.

Ma prima i tronchi vengono tagliati alla lunghezza da noi scelta per minimizzare gli sprechi.

 

 

Successivamente il materiale viene suddiviso per essenze e per lunghezze, in modo da svolgere al meglio la fase di segagione dei tronchi.

 

 

Il passaggio successivo è la vera e propria segagione, che abbiamo descritto in questo articolo

 

“Siamo innamorati di queste fasi di preparazione del materiale. Il legno diventa cosi parte del nostro progetto di rispettare al massimo il Creato.

Il nostro modo di poter far godere appieno anche alle generazioni future la meravigliosa sensazione di riempirsi gli occhi con la bellezza dei monti e delle colline ricoperte di boschi fantastici.”

 

Visita il nostro Laboratorio

 

Torna Indietro